scritto da fabiovolofrasi.it in Articoli

Nessun commento

Fabio volo padreFinalmente dopo aver espresso il suo desiderio di diventare padre, Fabio Volo aspetta un figlio dalla campagna Johana, una ragazza islandese di 29 anni, con cui ha una relazione da due anni. I due si sono conosciuti in palestra  a New York durante una lezione di pilates.

La madre di Fabio Volo, Fiore Bonetti è felicissima e pronta a fare la nonna, suo figlio che compirà 41 anni il prossimo 6 Giugno, indicato da tutti come lo scapolo d’oro ha deciso di mettere su famiglia e questo la rende entusista. Fabio e Johana adesso vivono tra New York e Milano ma con l’arrivo del piccolo dovranno cercare una maggiore stabilità per la loro famiglia.

Adesso che Fabio Volo sta terminando di scrivere un nuovo libro edito da Mondadori, di certo non gli mancherà l’ispirazione alla luce dei nuovi lieti eventi nella sua vita! :-)

scritto da fabiovolofrasi.it in Articoli

1 commento

Uscirà il 7 Febbraio nelle sale italiane Studio Illegale il nuovo film interpretato da Fabio Volo distribuito da Warner Bros con la regia di Umberto Carteni.

Dopo il film “Il giorno in più” uscito nelle sale a Dicembre 2011, Fabio Volo in “Studio Illegale” veste i panni di Andrea, un giovane avvocato spregiudicato al quale viene affidato un incarico importante per la sua carriera a cui ha dedicato la sua vita senza lasciar spazio ai sentimenti. L’incontro con Emilie, l’avvocatessa francese della controparte cambia tutto sconvolgendo la sua vita. Come in ogni romanzo di Fabio Volo o in ogni film da lui interpretato non manca la storia d’amore, quella che sconvolge e che mette tutto in discussione. Il dualismo carriera-amore sarà centrale nel film dove Andrea Campi (Fabio Volo) dovrà mettere da parte il suo cinismo per far spazio ai sentimenti che prova per Emilie. || Leggi tutto l articolo

scritto da fabiovolofrasi.it in Articoli

2 commenti

Dal prossimo 21 Marzo a farci compagnia dalle 23.15 in poi ci sarà Fabio Volo! 33 puntate imperdibili in seconda serata su Rai 3 dal mercoledì al venerdì!

Ecco cosa risponde Fabio Volo in un’intervista sul suo nuovo programma TV “Volo in diretta”:

“Quando mi hanno proposto di fare un programma su Rai3 la prima cosa a cui ho pensato è che volevo fosse in diretta e così è stato. Facile poi a quel punto trovare il titolo, niente di originale ma era lì che volevo porre l’attenzione.

E’ un programma che ci permetterà di passare tre sere a settimana insieme con l’ambizione di farvi divertire, emozionare, e mandarvi a letto con una sensazione di serenità prima di chiudere gli occhi. Il tentativo insomma di darci una buona buonanotte. || Leggi tutto l articolo

scritto da fabiovolofrasi.it in Articoli

Nessun commento

Ma come fa a definirsi superficiale? Lo scrittore che ammiriamo soprattutto per la sua profondità nello scrivere e per la sua straordinaria capacità di descrivere stati d’animo ed emozioni così reali, confessa in un’intervista di non essere mai di cattivo umore forse per la sua superficialità.  Leggendo i suoi romanzi non si può certo pensare che dietro quelle pagine si nasconda uno scrittore superficiale ma piuttosto un uomo sensibile, capace di descrivere stati d’animo in cui per il lettore è impossibile non immedesimarsi! Nell’intervista, Fabio Volo parla anche del progetto di aprire una panetteria a New York e del suo desiderio di diventare padre, un’esperienza che vorrebbe vivere nella sua vita!

Fabio Volo: “Da quando sono fidanzato non ci provo più con nessuno, non flirto più. La gente è un po’ ossessiva sul fatto della fedeltà, io credo di più nella lealtà dei sentimenti.
Non sono mai di cattivo umore, sarà perché sono superficiale, non so… Scrivere libri è stata la mia psicanalisi. Credo di essere sopravvissuto perché non mi prendo molto sul serio.
Se uno a cui non sto simpatico scrive cose su di me vuol dire che non può farne a meno, vuol dire che ho vinto io. Cosa voglio fare adesso? Ho contattato un professore che mi aiuterà a studiare, vorrei aprire una panetteria a New York e spero di fare un figlio. Se non dovessi vivere l’esperienza di padre, mi dispiacerebbe.”
Le invasioni barbariche, 24 febbraio